Labico on Video

Transumanza Eroica

20 gennaio 2011

Rifiuti incendiati nel centro storico di Labico


Al Sindaco di Labico
Al Comando della polizia municipale:

Oggetto: segnalazione incendio rifiuti in prossimità del centro storico

da qualche giorno gli abitanti del centro storico, nelle prime ore della mattinata, sono avvolti da una nube di fumo, fitta e maleodorante;

dalle caratteristiche, dalla provenienza (di cui si allegano le foto) e dal cattivo odore di questo fumo – l’impressione è che si tratti di materie plastiche - l'ipotesi più plausibile è il rogo illegale di rifiuti nei pressi di via della Fontana;

una simile eventualità sarebbe molto grave, sia sotto il profilo della responsabilità civile e penale, sia per quanto riguarda i rischi per la salute dei cittadini;

se il sindaco sia a conoscenza di tale anomala situazione e se non ritenga necessario avviare dei controlli sulle zone indicate. 

 BERLENGHI, SPEZZANO




19 gennaio 2011

Il centro storico invaso dai rifiuti










Labico, 17 gennaio 2011
Al Sindaco di Labico
Al Comando della polizia municipale
Al consigliere delegato all’ambiente

Oggetto: segnalazione presenza rifiuti nel centro storico

lungo Via Salvo D'Acquisto - lo Stradone, per i labicani - nonostante i diversi divieti di discarica apposti dal Comune di Labico negli ultimi mesi, persiste la presenza di rifiuti di ogni genere a ridosso della strada e all'interno dei terreni incolti presenti in quel tratto di strada;

ai lati della strada vi è un’enorme quantità di immondizia, buste di plastica, bottiglie, lattine, rifuiti maleodoranti (si allegano foto);

se il sindaco sia a conoscenza di tale grave situazione di degrado in pieno centro storico,
se si ritenga di dover individuare e punire i responsbili del degrado;
quali provvedimenti si intendano adottare per bonificare l’area dai rifiuti e per impedire che una via del centro storico venga trasformata in discarica.


BERLENGHI, SPEZZANO

12 gennaio 2011

La strategia intimidatoria


“Non si fa politica nelle aule giudiziarie”. Era questo – se non ricordo male – il diffuso convincimento dell’attuale maggioranza. Esprimevano questo pensiero quando gli esponenti dell’opposizione – in assenza di chiarimenti su vicende poco chiare e non sufficientemente chiarite da chi di dovere – decidevano (peraltro senza denunciare nessuno) di chiedere alla magistratura di verificare la correttezza delle procedure seguite.
Poi, ad un certo punto, quelli della maggioranza hanno cambiato idea. E adesso – visto che il disimpegno verso il ruolo di amministratori concede loro molto tempo libero – hanno deciso di trascorrere le loro giornate tra studi legali e tribunali alla ricerca di un qualche cavillo giudiziario che induca l’opposizione a più miti consigli. Credo che non siano così ingenui da pensare di ottenere davvero “condanne esemplari”, visto che sono stati costretti a ricorrere a fattispecie piuttosto deboli sul profilo della responsabilità penale (la prima volta stampa clandestina e ora diffamazione), però il meccanismo dell’intimidazione potrebbe sempre funzionare. Ed è per questo che, insieme ad una querela mai arrivata, il vicesindaco Alfredo Galli ha pensato bene di citarmi in un giudizio civile perché – a suo avviso – alcuni miei articoli sarebbero lesivi del suo onore e della sua reputazione.  Per questa mia condotta “diffamatoria” Alfredo Galli chiede un risarcimento per un importo di 50mila euro.
Ho letto l’atto di citazione e l’ho trovato francamente piuttosto debole. Non entrerò nel merito in questa sede, visto che preferisco argomentare le mie ragioni direttamente in tribunale. Mi preme però fare qualche considerazione di carattere politico.
Non ho la sensazione che a Labico, negli ultimi vent’anni, vi sia mai stata una vera e propria opposizione. Ossia una coalizione politica che imposti la propria progettualità su un modo diverso di amministrare la cosa pubblica e di gestire e pianificare lo sviluppo urbanistico. Una politica fatta di trasparenza, di tutela dei cittadini, di promozione dei servizi alla collettività, di valorizzazione e tutela del territorio e che contrasti le clientele, le speculazioni, gli affarismi. A parte rare quanto lodevoli eccezioni, le opposizioni del passato non hanno mai brillato per affermare un’alterità effettiva al sistema di potere. Pensiamo – solo per fare un esempio - all’attuale, devastante, variante al piano regolatore, su cui abbiamo speso fiumi di inchiostro per denunciare quanto sia dannosa per i cittadini, a favore della quale hanno votato ben 3 dei quattro consiglieri della precedente sedicente opposizione. Quel genere di opposizione è il genere che è sempre piaciuto a Galli e Giordani. Un’opposizione di carta e sulla carta, che non crea problemi, non da fastidio, non critica.
Peccato che, adesso, c’è un’opposizione vera e concreta. Competente e determinata. Un’opposizione che in più di un’occasione ha messo all’angolo questa maggioranza. E un’opposizione così disturba, infastidisce, innervosisce. Per un’opposizione così, contro la quale il confronto in aula consiliare è sempre perdente, c’è bisogno di spostarsi in altre aule, quelle dei tribunali, sperando che l’atteggiamento intimidatorio funzioni e che si ritorni ad un’opposizione più, come dire, malleabile. Ho una cattiva notizia per Alfredo Galli: il tentativo di intimidazione non funziona e l’opposizione non intende cedere a pressioni e condizionamenti.

11 gennaio 2011

I vantaggi della politica

Non è vero che chi fa politica lavora al servizio della collettività senza avere nulla in cambio. Io, ad esempio, da quando sono consigliere comunale ho ricevuto: una lettera di censura (sindaco), una querela (vicesindaco), una denuncia penale (sindaco), un atto di citazione al tribunale civile (vicesindaco) e un panettone. Il panettone l’ho dato alla Caritas. Qualcuno è interessato al resto?

Alle colonne d'Ercole

Alle colonne d'Ercole
La mia ultima avventura